fiocco

Per me la memoria di qualcuno è sempre in qualche modo legata a dei piccoli gesti, a dei ricordi molto precisi che mi si fissano nella mente.

Oggi nella mia mente c’è quel fiocco, che mi cingeva i fianchi di un vestito bianco e blu il giorno della mia comunione. Il vestito era “da festa”: aveva le maniche a sbuffo e una specie di sottogonna di tulle e mi piaceva moltissimo. Ma il fiocco si disfava sempre e io lo rifacevo sempre peggio – pensa, ancora oggi non ho imparato a fare i fiocchi.

Mi ricordo che mi sono avvicinata al tavolo e tu mi hai sorriso con le tue labbra rosso scarlatto e, mentre mi parlavi, dolcemente e senza guardare come fosse una cosa naturale per te, mi hai sistemato il fiocco: le asole piene, il nastro steso. Ero così orgogliosa: adesso ero anche io elegante e curata come te.

Oggi ho in mente la sensazione del tuo sguardo sorridente e le parole malinconiche di Guccini in Venerdì Santo:

poi viene sera
resta soltanto
dolce un ricordo

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea il tuo sito web su WordPress.com
Inizia ora
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: